Reperibilità 24 su 24

E' attivo per tutti i condomini un NUMERO VERDE 800 66 08 39 utilizzabile negli orari di chiusura al pubblico e nelle giornate festive al fine di garantire interventi urgenti ed improrogabili.

 

Qualità

La definizione ed il rispetto delle procedure secondo standard internazionali quali l’ISO 9001:2008 e UNI 10801 garantisce a Fois Amministrazioni un sistema di alta qualità.

Sicurezza

L’Amministratore ha stipulato polizze assicurative con la compagnia UNIPOL SAI per la responsabilità civile del professionista al fine di poter tutelare al meglio i Condomini amministrati.

Trasparenza

Attraverso l’area riservata ogni condomino avrà accesso diretto ad importanti dati del condominio ed alla propria posizione contabile.

 Amministrare efficacemente un grande patrimonio immobiliare non è un lavoro facile... Noi lo facciamo da vent'anni!

Andrea Fois, socio e amministratore unico della THE HABITAT COMPANY SRL

ANGRAFE CONDOMINIALE

Introdotta dalla legge 220/12, l’anagrafe condominiale consiste in un registro ove confluiscono le informazioni circa le unità immobiliari costituenti il condominio e l’identità dei rispettivi proprietari.

Nel registro vengono riportati i dati anagrafici dei proprietari, ma anche i dati catastali dell’immobile e le condizioni di sicurezza dello stesso, nonché l’eventuale presenza di diritti reali o personali di godimento.

La clientela dovrà inviare presso il nostro studio la documentazione necessaria dalla quale dovranno evincersi:

  • I dati dei titolari dei diritti di proprietà ed i loro codici fiscali;

  • L’esistenza di eventuali altri diritti reali sull’immobile (usufrutto, uso, abitazione, servitù, superficie) – titolari e loro codici fiscali;

  • L’esistenza di diritti di godimento (locazione, comodato) – titolari e loro codici fiscali;

  • I dati catastali dell’immobile.

A tal fine abbiamo predisposto un questionario da compilare e firmare, già recapitato a mezzo del servizio postale, scaricabile gratuitamente accedendo all’area riservata nel menù “documenti”.

Ci corre l’obbligo di informare che , se tale documentazione non verrà fornita spontaneamente, saremo obbligati ad acquisire i dati sopra richiesti addebitandone la relativa spesa.

Si tratta di dati essenziali per assicurare una gestione non solo trasparente ma anche efficace atteso che l’identificazione dei soggetti proprietari consente di poter regolamentare i rapporti obbligazionari (e non ) in essere all’interno della compagine condominiale.

Si pensi, ad esempio, all’inoltro delle convocazioni assembleari, ovvero ancora alla messa in mora formulata dalll’amministratore per il recupero delle quote dovute, ovvero ancora una diffida inviata da altro condomino per ottenere il ristoro di danni causati da altra unità immobiliare facente parte del condominio ovvero la cessazione di una condotta turbativa.

L’individuazione del proprietario/destinatario è essenziale per la proficuità delle predette azioni, giacchè in materia condominiale la natura dell’obbligazione (propter rem) non consente l’operatività del principio dell’apparenza, escludendo la legittimazione passiva della persona o del soggetto che, pur apparendo condomino, (c.d. condomino “apparente”) non lo sia sostanzialmente.

L’importanza della tenuta di questo registro è, quindi, palese ed il legislatore ha ben pensato di annoverarlo fra quelle documentazioni per le quali l’amministratore deve consentire e garantire la consultazione da parte del condomino che ne faccia richiesta.

La tenuta e cura del predetto registro è precipuo compito dell’amministratore, che dovrà provvedere anche ad aggiornarlo qualora risultino modifiche dei dati ivi inseriti. È un obbligo dal quale non può esimersi senza esporsi al pericolo di una revoca anticipata del mandato, costituendo tale omissione grave irregolarità (articolo 1129 C.c).

Ecco, quindi, che provvederà ad inviare un precipuo modulo a ciascun proprietario chiedendo allo stesso la compilazione delle voci richieste.

Sul punto va chiarito che non è contemplato alcun obbligo in capo al condomino circa l’allegazione di documentazione, eventualmente richiesta dall’amministratore, attestante il titolo di proprietà e l’identità del proprietario, potendosi limitare il condomino a fornire una semplice dichiarazione indicando i soli dati richiesti.

Qualora il condomino non provvederà a conferire i dati richiesti, l’amministratore potrà (e dovrà) ottenere diversamente i dati effettuando degli accessi presso gli uffici competenti (anagrafici e agenzia del territorio) al fine di risalire all’ identità del proprietario.

Introdotta dalla legge 220/12, l’anagrafe condominiale consiste in un registro ove confluiscono importanti informazioni circa le unità immobiliari costituenti il condominio e l’identità dei rispettivi proprietari.

Nel registro vengono riportati i dati anagrafici dei proprietari (ovverosia nome, cognome, data e luogo di nascita, residenza e codice fiscale) ma anche i dati catastali dell’immobile e le condizioni di sicurezza dello stesso, nonché l’eventuale presenza di diritti reali o personali di godimento.

La clientela dovrà inviare presso il nostro studio la documentazione necessaria dalla quale dovranno evincersi:

  • I dati dei titolari dei diritti di proprietà ed i loro codici fiscali;

  • L’esistenza di eventuali altri diritti reali sull’immobile (usufrutto, uso, abitazione, servitù, superficie) – titolari e loro codici fiscali;

  • L’esistenza di diritti di godimento (locazione, comodato) – titolari e loro codici fiscali;

  • I dati catastali dell’immobile.

A tal fine abbiamo predisposto un questionario da compilare e firmare, già recapitato a mezzo del servizio postale, scaricabile gratuitamente accedendo all’area riservata nel menù “documenti”.

Ci corre l’obbligo di informare che , se tale documentazione non verrà fornita spontaneamente, saremo obbligati ad acquisire i dati sopra richiesti addebitandone la relativa spesa.

Si tratta di dati essenziali per assicurare una gestione non solo trasparente ma anche efficace atteso che l’identificazione dei soggetti proprietari consente di poter regolamentare i rapporti obbligazionari (e non ) in essere all’interno della compagine condominiale.

Si pensi, ad esempio, all’inoltro delle convocazioni assembleari, ovvero ancora alla messa in mora formulata dalll’amministratore per il recupero delle quote dovute, ovvero ancora una diffida inviata da altro condomino per ottenere il ristoro di danni causati da altra unità immobiliare facente parte del condominio ovvero la cessazione di una condotta turbativa.

L’individuazione del proprietario/destinatario è essenziale per la proficuità delle predette azioni, giacchè in materia condominiale la natura dell’obbligazione (propter rem) non consente l’operatività del principio dell’apparenza, escludendo la legittimazione passiva della persona o del soggetto che, pur apparendo condomino, (c.d. condomino “apparente”) non lo sia sostanzialmente.

L’importanza della tenuta di questo registro è, quindi, palese ed il legislatore ha ben pensato di annoverarlo fra quelle documentazioni per le quali l’amministratore deve consentire e garantire la consultazione da parte del condomino che ne faccia richiesta.

La tenuta e cura del predetto registro è precipuo compito dell’amministratore, che dovrà provvedere anche ad aggiornarlo qualora risultino modifiche dei dati ivi inseriti. È un obbligo dal quale non può esimersi senza esporsi al pericolo di una revoca anticipata del mandato, costituendo tale omissione grave irregolarità (articolo 1129 C.c).

Ecco, quindi, che provvederà ad inviare un precipuo modulo a ciascun proprietario chiedendo allo stesso la compilazione delle voci richieste.

Sul punto va chiarito che non è contemplato alcun obbligo in capo al condomino circa l’allegazione di documentazione, eventualmente richiesta dall’amministratore, attestante il titolo di proprietà e l’identità del proprietario, potendosi limitare il condomino a fornire una semplice dichiarazione indicando i soli dati richiesti.

Qualora il condomino non provvederà a conferire i dati richiesti, l’amministratore potrà (e dovrà) ottenere diversamente i dati effettuando degli accessi presso gli uffici competenti (anagrafici e agenzia del territorio) al fine di risalire all’ identità del proprietario.

Home News ANGRAFE CONDOMINIALE

Orari di studio

Lo studio è aperto al pubblico dal Lunedì al Venerdì

Mattino: dalle 9.30 alle 12.30

Pomeriggio: dalle 16.00 alle 19.00

Recapiti telefonici

Telefono: 0735/781060

Fax: 0735/781883

Servizio interventi urgenti: 800 660 839

Seguici

The Habitat Company